1967-1968 GIANFRANCO FIORENZI

Home » Chi siamo » STORIA DEL ROTARY CLUB OSIMO » 1967-1968 GIANFRANCO FIORENZI

Presidente: Gianfranco Fiorenzi

Segretario: Sergio Morichi
Tesoriere: Ennio Francesco Claudi

Past Presidente: Renato Bartoli

Governatore 2090: Giulio Agostini

Presidente R.I.: Luther H. Hodges
Tema presidenziale: Make Your Rotary Membership Effective


Conviviali: 1° e 3° mercoledì – Ristorante “da Bruno” di Osimo; Hotel S. Cristiana di Numana
Il nono anno di vita rotariana è ben documentato dalle relazioni presenti nei sette bollettini regolarmente pubblicati.
L’anno si aprì, presenti anche ospiti stranieri, con una bella relazione del presidente Gianfranco Fiorenzi e con il ricordo degli amici scomparsi Renato Egidi, Tommaso Corallini ed Ettore Davalli, che tanto si erano prodigati per dare vita al nostro Sodalizio.
Il Club, sempre sensibile alle iniziative culturali, non tardò ad appoggiare il mensile locale “L’Antenna civica”, che stava organizzando la settimana di attività musicali e teatrali da realizzare nella suggestiva cornice della piazza antistante il Duomo di Osimo; promosse anche, a Loreto, nella bellissima sala del Palazzo Apostolico dedicata a Lorenzo Lotto, il terzo incontro con i Direttori stranieri delle Cappelle Musicali (oltre 20) convenuti a Loreto per l’ormai consueto incontro internazionale. E ciò in piena sintonia con l’ideale rotariano: accomunare nella musica e nella cultura tanti diversi popoli, anche se allora particolarmente divisi. Durante la conviviale di sabato 20 aprile 1968 l’Amministratore Apostolico Mons. Aurelio Sabbatani, cui si deve la calorosa ospitalità ed al quale va un grato ricordo per la stima e l’amicizia dimostrate nei confronti degli amici rotariani, ritenne di dover esprimere il suo saluto in una forma inconsueta. Non disponendo del carisma della lingua, come ebbe argutamente a dire, si rivolse agli illustri ospiti stranieri nella “madre” lingua latina con una gustosa allocuzione volta ad illustrare le bellezze del Santuario e la sua affascinante storia, nonché la bontà e le caratteristiche dei cibi preparati. Con vero rammarico constatiamo che la bella iniziativa non andò oltre gli anni ’60. Pensando di far cosa gradita, si riporta integralmente il testo dell’intervento di Mons. Sabbatani:
Qua lingua vos alloquar, illustrissimi domini qui huc convenitis? Hic sunt Graeci, Slavi, Germani, Hispani, Angli, Galli, et alii quoque. Oporteret frui virtute Pentecostali ad omnes istas linguas loquendas! Ideo utimur lingua latina quae est communis lingua et communis mater.
Illustris doctor Fiorenzi, praeses consociationis cui nomen Rotary Club, illustris praeses huius entis “Rassegne Cappelle Musicali”, illustres auctoritates et proceres, proceres Provinciae, Municipii loci et Vos, Magistri, Moderatores, organi pulsatores, comites; in primis gratiae quam plurimae agendae sunt consociationi cui nomen Rotary Club. Quae consociatio quotannis nobis et vobis offert prandium vere exquisitum. Nonne?
Et si in manu habeamus indicem seu catalogum esculentorum, vos videtis quid manducavimus. In primis manducavimus membranulas farinae ovis subactae alternis stratis positis cum carne et suco et postea aliquid concretum ex herbis spinaceis cum carne in forma numismatum et dein nostris dentibus supposuimus etiam pullum gallinaceum assum igni cum lactucis et tuberis.
Dein venit concreta sorbitio dulcis cui nomen Saint Honoré, et dein fruges et poma et etiam spumessentiam vini. Quaelibet pars huius indici seu catalogi est titulus ad nostram summam gratitudinem erga hanc consociationem. Sed ista consociatio etiam alia ex ratione mihi valde cara est. Eius emblema seu signum nempe rotula est etiam Sacrae Romanae Rotae ubi ego fui iudex ad decem annos et Vos scitis quod primus amor nunquam totaliter potest oblivisci aut deleri.
Debemus summas gratias agere etiam domino Castellani qui habet titulum “eques torqueatus” et dein federationi puerorum cantorum. Hic habemus presidem internationalem reverendissimum qui est intimus amicus meus inde ab annis communis studii iuridici; habemus praesides Federationis puerorum cantorum pro multis nationibus; habemus scriptores ephemeridum, habemus amicos, habemus illos qui organissationi serviunt et habemus praesertim Vos, carissimi magistri, carissimi moderatores harum scholarum quae quotannis Lauretum veniunt.
Mihi videatur ut si aliqua sedes apta sit ad nationes simul uniendas, nulla aptior, nulla magis idoneam quam Lauretum.
Habemus hic non domum alicuius privati, non domum alicuius consociationis: habemus domum Beatae Mariae Virginis. Et si habemus hic domum communis Matris, cur homines diversarum nationum non possunt huc convenire in istam domum communis Matris Sanctae Mariae Virginis?
Haec pacifica unio, hic conventus laetus horum dierum nihi videtur in idealibus magis elatis pacis, fraternitatis et christiani sensus.
Ideo fac sit Deus ut ex nostra unione, ex nostro conventu diversarum nationum veniat tandem aliquando universo mundo optata pax, felicitas, prosperitas. Amen.
Anche un’altra interessante iniziativa è purtroppo tramontata: quella dei Prestiti d’onore concessi a giovani meritevoli per portare a compimento gli studi, come quello a favore di Franco Bucciarelli. L’idea fu particolarmente apprezzata dal Governatore Giulio Agostini in occasione della visita annuale al Club.
Era sempre attento il Rotary anche nei confronti del “gruppo giovani”, che Sergio Morichi stava seguendo con crescente interesse. Buona l’assiduità delle presenze alle riunioni, che si era attestata intorno al 58%.

Il Presidente Gianfranco Fiorenzi con Gino Di Francesco e due ospiti non identificati